Youtube Twitter Facebook
english stampa segnala segnala Skype
profili - interpreti - strumentali - andrea padova - biografia

Strumentali

- bio
Andrea Padova
Foto Jazzreflex
Andrea Padova - Biografia
1962

Sito: www.andreapadova.com

E-mail: info@andreapadova.com
Mutazione (1990)
per violino solo
Alessandro Moccia violino

Strumenti: Pianoforte

Ha studiato Pianoforte con Vincenzo Vitale ed Aldo Ciccolini e Composizione con Gino Marinuzzi, Aldo Clementi e Franco Donatoni, diplomandosi presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.
Vincitore nel 1988 di una borsa di studio del Ministero della Cultura Francese, ha frequentato i corsi tenuti da Pierre Boulez alla Certosa di Villeneuve, prendendo parte anche ai seminari di Computer Music (Andrew Gerszo) e Analisi (Pierre Piencikowsky) e risultando allo stesso tempo tra gli esecutori scelti per il concerto monografico bouleziano trasmesso in diretta da Radio France.
Ha ottenuto riconoscimenti in numerosi concorsi nazionali ed internazionali: Wiener Wettbewerb für Neue Musik, “A.Casella” dell’Accademia Chigiana di Siena, Concorso “E.Porrino” di Cagliari, “Wiener Masters”, Concorso “Nuove musiche per strumenti antichi”, Concorso “C.Togni”, Concorso “G.Contilli”, Concorso “Città di Pavia”, Concorso  “G.F. Malipiero”.
Sue composizioni sono state eseguite, tra l’altro, a Weill Hall a Carnegie Hall dall’Alaria Chamber Ensemble, all’Auditorium dell Nazioni Unite, all’Accademia di S.Cecilia, al Festival di Musica Antica di Urbino, al Festival “Spazio Musica” di Cagliari, al Festival dell‘Arpa di Norimberga, al Festival di Musica Elettroacustica di Cagliari, al Festival della Nuova Musica di Vienna, all’Auditorium “N.Rota” dall’Orchestra Milano Classica, dall’Altoona Symphony Orchestra, dall’Orchestra Sinfonica di Bari, al Teatro Politeama dall’Orchestra Sinfonica di Lecce, al Festival “Nuova Musica Italiana” di Roma etc. e trasmesse da Radio in Italia, Germania, Regno Unito, Francia, Stati Uniti, Australia ecc…
Le sue composizioni sono edite e registrate da BMG-Ricordi, Edipan,  e Stradivarius.
Partito da posizioni strutturaliste, ha intrapreso un percorso caratterizzato dalla passione per la polifonia, l’enigmistica e la combinatoria (rintracciabile nei titoli dei suoi brani: “Palindromi” per orchestra, “Acrostici” per orchestra “Logogrifi” per ensemble) e da una sempre maggior attenzione agli aspetti linguistici, ludici e affabulatori della musica.
Tra le composizioni più recenti, un melologo su testi tratti dall’ Apocalisse commissionato dalla Diocesi di Reggio Emilia e dall’Istituto di Musica per la Liturgia, eseguito nel 2010 con Stefania Sandrelli e Lorenzo Gioielli, voce recitanti e sarà ripreso più volte nel corso del 2011.
A latere della sua attività come compositore classico, Andrea Padova ha pubblicato come compositore-interprete due cd per piano solo (“Landscape in motion” e “Notes posted on the refrigerator”) “in un linguaggio magicamente sospeso fra il rigore della musica classica e l'energia del jazz”. Il suo nuovo stile compositivo viene entusiasticamente recensito dal New York Times e dall’Examiner e gli viene assegnato il Premio Insound dall’omonima rivista che lo definisce “una delle figure più interessanti del panorama pianistico contemporaneo”.
Recentemente Andrea Padova ha ricevuto, unico compositore italiano, una commissione di un nuovo brano per il 2011 dall’Associazione “MusMA - Music Master on Air”, una cooperazione fra dieci importanti Festival Europei e Stazioni Radio, supportata dalle istituzioni europee.

Aggiornato a 2014