Youtube Twitter Facebook
english stampa segnala segnala Skype
profili - interpreti - strumentali - fabio grasso - biografia

Strumentali

- bio - repertoire
Fabio Grasso
Fabio Grasso - Biografia
Vercelli, 1969

Sito: utenti.tripod.it/fabiograsso

E-mail: fabgrasso@libero.it

Strumenti: Pianoforte
Dopo aver studiato nella città natale con i maestri Mario Barasolo e Jean Micault, ha conseguito il Diploma di Pianoforte a 17 anni col massimo dei voti, la lode e la menzione ad honorem presso il Conservatorio di Torino. Nel 1994 si è diplomato in Composizione sperimentale presso il Conservatorio di Milano, dove è stato allievo di Sandro Gorli e Umberto Rotondi, e nel 1995 si è laureato con lode in Letteratura Greca presso l'Università del Piemonte orientale.
Contemporaneamente si è perfezionato in pianoforte prima con Marco Vincenzi e poi con Maria Tipo (1991-1993) alla Scuola di Musica di Fiesole, dove ha frequentato anche il corso di composizione di Giacomo Manzoni (1993-1996). Ha inoltre seguito svariati altri corsi di perfezionamento, fra cui uno stage pianistico alla Hochschule für Musik di Berlino con Klaus Hellwig e un corso triennale di composizione di Franco Donatoni all'Accademia di Biella.
Attualmente si dedica con pari intensità sia al pianoforte che alla composizione.
Come pianista nel 1996 ha vinto il Concorso pianistico internazionale XXème siècle di Orléans, ottenendovi i premi "Blanche Selva - Grand prix XXème siècle" e "Maurice Ohana".
È stato poi invitato a suonare nelle più prestigiose sale parigine, come la Salle d'art lyrique del Conservatorio Superiore, la Salle Cortot, la Salle Gaveau (dove ha eseguito anche la propria Suite), il Théâtre du Châtelet, gli studi di Radio France sia come solista sia con l'Orchestre Philharmonique, nonché a Nizza per la Fondazione Sophia Antipolis, a Colmar per il Festival Michelangeli 2000, a Maastricht, a Montpellier e a Orléans per recitals, concerti cameristici e concerti con le rispettive orchestre. Fra questi ultimi spiccano le esecuzioni dei Concerti n. 2 e n. 4 di Beethoven, del Concerto K. 488 di Mozart diretto da Armin Jordan, e del Klavierkonzert di Ligeti.
Nel 1998 ha inciso un CD con musiche di Busoni per l'Editrice francese SOLSTICE, accolto da critiche estremamente favorevoli (ha ottenuto la "recommendation" da Répertoire e lo "CHOC du mois" da Le monde de la musique).
Come compositore, nel 1996 ha vinto il primo premio del Concorso di composizione "A. Ginastera" di Buenos Aires con il brano per chitarra e orchestra, Katoptroeidès, eseguito in prima mondiale al Teatro Colón della capitale argentina.
Nel 1999 ha vinto il Concorso di Composizione Journées de la jeune musique di Marsiglia con il brano per ensemble La sérénade aux tristes sourires, premiato all'unanimità dalla Giuria, e insignito della menzione del pubblico in occasione del concerto finale tenuto dall'Ensemble Télémaque.
Il suo repertorio pianistico spazia da Bach e Mozart ai contemporanei, consentendogli la costruzione di programmi di recital molto variati ed originali, comprensivi di composizioni proprie.
Il catalogo delle sue composizioni comprende una quarantina di lavori (solistici, cameristici, sinfonici, corali e teatrali). Alcuni dei suoi brani da camera e solistici sono stati eseguiti (questi ultimi da lui stesso) a Berlino, Parigi, Orléans, Montpellier, Colmar, Nizza, Milano, Firenze, Roma e al Festival Gaudeamus 1998 di Amsterdam. La sua produzione pianistica comprende pezzi solistici per oltre un'ora di musica, più un Concerto per pianoforte e orchestra.
Aggiornato a 11/2001